di Michele Ainis

Capocrazia. Se il presidenzialismo ci manderà all'inferno

Capocrazia. Se il presidenzialismo ci manderà all'inferno

Prezzo di listino €16,00 + 5 punti Giunticard
Prezzo scontato €16,00 + 5 punti Giunticard Prezzo di listino
Il presidenzialismo è la grande riforma annunciata dal governo Meloni, che potrebbe realizzarsi in questa legislatura dopo decenni d'attese e di dibattiti. Già, l'Italia è un paese che ama le rivoluzioni ma affossa le riforme, come hanno imparato a proprie spese molti leader nostrani, da Berlusconi a Renzi. Sennonché il presidenzialismo ha le sue forme, i suoi modelli (sono tre). Noi rischiamo viceversa di crearne una maschera deforme. Perché siamo la patria del "quasismo", e allora ci inventiamo una riforma quasi presidenziale, quasi parlamentare. Che rafforza il peso del presidente del consiglio indebolendo i contrappesi, dal parlamento al capo dello stato. D'altronde ne abbiamo collezionate tante, di riforme pasticciate. Niente di nuovo sotto il sole. La verità è che un presidenzialismo sgangherato ce l'abbiamo già: è la capocrazia che domina la vita dei partiti, divenuti feudi d'un principe circondato da mille cortigiani; è il potere solitario dei sindaci e dei governatori; è l'abuso decisionista dei decreti legge da parte del governo di turno; è una legge elettorale che ci rende spettatori, confiscando la nostra libertà di decidere gli eletti. Per riportare ordine in questa democrazia malata, bisogna riprendere in mano la Costituzione, denunciarne i tradimenti. E in ultimo interpellare gli italiani, come accadde con i padri costituenti: giganti che guardiamo ormai da troppo lontano.
Leggi di

Dettagli

Editore La nave di Teseo
Copertina BC
EAN 9788834616697
Dimensioni da 15 a 19.9 cm
Lingue Italiano
Pagine 208
Data di uscita 16/01/2024

La carta fedeltà delle librerie Giunti al Punto